Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

TURISMO, CULTURA, EVENTI, SAPORI, TERRITORIO, MOTORI, CAMPER TOUR 

Clicca qui per aggiungere un titolo

Il camper continua ad andare forte, anzi fortissimo. APC, Associazione Produttori Caravan e Camper, rende noti i dati relativi alle immatricolazioni di camper nuovi nel periodo dal 1 gennaio al 30 giugno 2021: con oltre 4.800 nuove immatricolazioni, il primo semestre 2021 fa segnare un aumento del 38,36% nelle

immatricolazioni di camper nuovi rispetto al primo semestre del 2020. Il 2020 aveva già fatto registrare un aumento del 7,44% dell’immatricolato di camper nuovi rispetto al 2019.

Rilevante – all’interno di questo dato immatricolativo – il successo dei cosiddetti camper furgonati che

rappresentano il 37,3% dell’intero immatricolato del primo semestre 2021. Il camper furgonato, pratico e

maneggevole, può fungere anche da seconda auto in famiglia. Molti neofiti si sono avvicinati al mondo del camper proprio attraverso i furgonati i quali, anche se con dimensioni più contenute rispetto ai camper tradizionali, garantiscono comunque un alto livello di confort a bordo essendo dotati di letti, bagno, cucina e soggiorno. Anche la produzione italiana di camper ha sorpassato tutti i precedenti record produttivi e si conferma terzo produttore di camper in Europa, dopo Germania e Francia: nel primo semestre dell’anno, l’aumento della produzione di camper in Italia è stato del 75,16% rispetto al primo semestre 2020. A spingere il comparto, oltre la domanda del mercato interno, è – come da tradizione – anche e soprattutto l’export. In Europa, infatti, nei primi quattro mesi dell’anno, l’aumento medio delle immatricolazioni di camper e caravan è stato addirittura del 45,7%, con la Germania largamente in testa per numero di nuove immatricolazioni. L’aumento di produzione è stato reso possibile grazie a massicce assunzioni di nuovo personale: si stima che siano più di 1.000 i nuovi addetti inseriti negli ultimi mesi nel comparto produttivo. A questi si deve aggiungere l’incremento di maestranze dell’indotto, in gran parte costituito anch’esso da aziende italiane. Oltre l‘80% della produzione di camper è concentrata nella cosiddetta „camper valley“ tra le province di Siena e Firenze. Altri stabilimenti di camper sono presenti in Umbria ed in Abruzzo. Il Presidente dell’Associazione Produttori Caravan e Camper, Simone Niccolai, commenta così i risultati di questo primo semestre 2021: „L’aumento così rilevante della domanda ci spinge ad investire, ampliando i nostri stabilimenti e procedendo a molte assunzioni. Siamo molto soddisfatti di poter contribuire allo ripresa ed allo sviluppo della nostra economia nazionale. Molti indicatori ci dicono che il fenomeno camper proseguirà: si tratta di un megatrend e non di una moda.“

L’Associazione Produttori Camper dà appuntamento a operatori, visitatori e giornalisti al Salone del Camper, la più grande manifestazione di settore in Italia, la seconda in Europa, che si svolgerà presso Fiere di Parma dall’11 al 19 settembre 20

Per maggiori informazioni: Ludovica Sanpaolesi – Direttore Generale APC – Cell. 346 7288058

[email protected] - APC 

0